default_mobilelogo

disinfestazione cimici La cimice dei letti (Cimex lectularius) appartiene alla famiglia delle Cimici piatte ed è un parassita ematofago, ovvero si nutre prevalentemente di sangue, e predilige gli umani come fonte di nutrimento. Nel caso in cui l'uomo non sia disponibile, oppure in casi di infestazioni di cimici particolarmente rilevanti, le cimici da letto possono attaccare anche cani gatti ed animali domestici. La cimice dei letti presenta dimensioni piuttosto ridotte e non supera i 6-8 mm di lunghezza allo stadio adulto, ed ha un comportamente fortemente lucifugo, tende cioè a rintanarsi in luoghi poco illuminati. Il corpo della cimice è di forma rotonda e risulta estremamente appiattito se a digiuno, rigonfio al temine del pasto, proprio come le zecche. Le cimici sono dotate di sei zampe e di una buona mobilità che permettono agli esemplari di annidarsi nel letto e nel materasso e negli oggetti più prossimi come comodini, battiscopa, e di uscire solo al momento del pasto che solitamente avviene di notte mentre le vittime dormono. La colorazione della cimice dei letti varia dal bruno rossiccio, quando gli esemplari sono a digiuno, fino al nero quando sono sazi di sangue. Le uova sono di colore bianco perlaceo, lunghe circa 1 mm, e vengono deposte in posizioni nascoste e difficilmente raggiungibili. La cimice deve nutrirsi circa ogni 4 giorni e per farlo utilizza il rostro, una sorta di vera e propria cannuccia attraverso la quale, perforando gli strati superficiali dell'epidermide, inietta una sostanza anticoagulante con effetto anestetizzante. Raggiunta una fonte di sangue la cimice dei letti inizia il vero e proprio processo di nutrimento che, normalmente dura dai tre ai sette minuti. Terminata questa fase, solitamente, è possibile notare la reazione della pelle che varia da persona a persona: nel caso di persone sensibili o allergiche, le punture possono portare ad estese infiammazioni della pelle o, nei casi più gravi, a disturbi dello stato generale quali anafilassi o asma. Inoltre, le cimici dei letti possono, inoltre, essere vettori di importanti agenti patogeni di vario tipo in base alla provenienza degli esemplari, alle precedenti vittime ed altri fattori. Poichè è particolarmente difficile accorgersi della presenza o della puntura delle cimici del letto, la maggior parte delle volte le punture delle cimici sono spesso attribuite ad insetti di tipo del tutto diverso o ad intolleranze alimentari. In tutti quei casi in cui l'infestazione è all'interno di alberghi o ostelli possono trascorrere anche molti mesi prima che si abbia il sentore di un possibile problema in corso. Gli unici segnali che possono tradire la loro presenza, sono piccole macchie ematiche sulla biancheria o sulle lenzuola, composte dai loro escrementi, concentrate nei punti di maggior infestazione.

Orari

Da Lunedì a Venerdì

Mattino: h 8.00 - 13.00

Pomeriggio: h 15.00 - 18.00

Contattaci

E-mail info@ecologicafriulana.eu

Indirizzo: Via Anton Lazzaro Moro, 66 - Udine

Telefono: +39 0432 297055

Fax: +39 0432 297055